Inserito il 02 08, 2017

Faroni “Le nostre strutture di RSA offrono assistenza medica continua”

Leggi tutto
Inserito il 26 08, 2016

A seguito del devastante terremoto che ha colpito il Centro Italia, L'Aiop Lazio, che rappresenta 106 Case di Cura, di cui 84 accreditate, si è attivata per dare un contributo concreto a favore delle popolazioni colpite dal sisma. Grazie alla mobilitazione di tutti gli associati verranno consegnati alla Regione Lazio articoli quali:

antinfiammatori, garze sterili, pannolini, assorbenti, sacchi neri, carta igienica, carta mani, garze imbevute (Fitostimoline), fasce elastiche, cerotti, bende, lacrime artificiali per occhi, dentifrici, spazzolini, acqua ossigenata, guanti in lattice monouso, soluzioni fisiologiche, sacchi a pelo e coperte.

 

" L'AIOP Lazio vuole essere al fianco delle istituzioni locali e dei cittadini nei giorni dell'emergenza acuta come nella successiva fase della ricostruzione" spiega la presidente Jessica Veronica Faroni che aggiunge, "Siamo in costante contatto con la Regione Lazio alla quale abbiamo offerto la nostra massima disponibilità e pieno appoggio in un momento così tragico per il nostro Paese. A nome di tutti gli associati esprimo  il più profondo cordoglio ai familiari delle vittime del sisma che ha colpito il Centro Italia e solidarietà a tutti coloro che hanno subito danni e perdite".

 

Leggi tutto
Inserito il 05 07, 2016
FARONI “La Regione Lazio attivi le misure concordate per il ricovero in RSA con retta minore”

 Torna l’emergenza estate e anziani malati.

“Attenzione ai ricoveri negli ospizi e nelle case di riposo, lì non c’è assistenza sanitaria adeguata”.

Il grido d’allarme viene dalla Presidente dell’Aiop Lazio (Associazione Italiana Ospedalità Privata), la drssa Jessica Veronica Faroni che punta il dito contro la Regione Lazio “troppo lenta nell’ufficializzare accordi predeterminati risalenti a marzo scorso che riguardano le RSA”.

“L’estate porta con sé sempre il triste scenario della condizione di molti anziani malati che devono essere ricoverati perché i familiari partono per le vacanze e nessuno può occuparsi di loro. Molte famiglie, a causa delle rette elevate, si vedranno costrette a portare i propri anziani negli ospizi o nelle case di riposo e di conseguenza nei pronto soccorso affollati degli ospedali”, afferma Faroni.

“Le case di riposo hanno costi più accettabili e spesso le famiglie non hanno altra scelta – continua la Presidente dell’Aiop – Ma i rischi sono alti per quegli anziani che invece dovrebbero avere assistenza sanitaria, quindi cure reali e non solo avere il pranzo, la cena ed essere lavati”.

“Se la Regione Lazio avesse reso operativi gli accordi che risalgono a Marzo relativamente alle RSA, per i quali l’Aiop si è battuta per lungo tempo, che prevedevano il pagamento di una retta più bassa – spiega la Drssa Faroni – i ricoveri per gli anziani malati con varie patologie croniche nelle strutture sanitarie opportune sarebbero stati possibili. Anche questa estate molti anziani finiranno in fila nei pronto soccorso degli ospedali e negli ospizi a peggiorare la loro salute.   Nel nostro Paese non si può parlare sempre e solo di economia! Bisogna porre attenzione al sociale, cercando soluzioni che siano in grado di supportare il cittadino in difficoltà”.

Leggi tutto
Inserito il 09 05, 2016

La Sanità in Italia e nel Lazio nella grande crisi finanziaria Piano di rientro 2013-2015

Leggi tutto
Inserito il 07 04, 2016

Così si migliora la sanità nel Lazio

“Se Zingaretti ci darà la possibilità di accogliere nelle strutture private convenzionate del Lazio pazienti provenienti da altre Regioni si migliorerà la nostra sanità e i primi a guadagnarci in termini di assistenza e cure saranno i nostri residenti”.

Parola della Dr.ssa Jessica Veronica Faroni, Presidente Aiop Lazio che da mesi si sta battendo per la questione “mobilità passiva” e cosiddetti “fuori regione”.

“La Regione Lazio spende tanto denaro pubblico per mandare i suoi residenti malati a curarsi nelle altre Regioni con tutta una serie di disagi per i cittadini. Potrebbe, invece, dare nuova linfa alle strutture che sono sul territorio - afferma Faroni -   Se la Regione ci desse la possibilità di accogliere pazienti non residenti, dando così finalmente attuazione al protocollo di intesa sottoscritto con l’AIOP nel giugno 2014, la sanità privata accreditata laziale potrebbe mettere in atto quello che è anche nello spirito della sanità privata stessa: creare delle eccellenze in termini di diagnostica, di assistenza e di cura, dato che la Legge di Stabilità 2016 prevede la possibilità di remunerazione oltre il budget per le prestazioni di alta specialità”.

“Siamo pronti ad investire, a rendere il Lazio un territorio all’avanguardia dal punto di vista sanitario – aggiunge Jessica Faroni – ma il potere decisionale, affinchè tutto questo avvenga, è nelle mani del presidente Zingaretti che sbloccando la questione dei fuori regione,  per il meccanismo di compensazione  (uscite ed entrate di spesa per i pazienti che vanno  fuori dal Lazio o entrano nel Lazio)  darebbe nuovo respiro alle casse delle Regione migliorando sensibilmente il saldo della mobilità interregionale della nostra Regione. Stiamo aspettando”. 

“Inoltre – conclude la Presidente dell’Aiop – ci auguriamo una forte presa di posizione del Governatore anche nei confronti del MEF che fino ad oggi ha creato questa disparità tra le regioni”.

Leggi tutto
12

Cerca nelle notizie

Sponsor